O Roma o morte!

Total
0
Shares

Non posso che sottoscrivere questo breve post di Diego Fusaro in tutte le sue parti.

Nei giorni scorsi è riecheggiata una frase che mi è suonata molto “sinistra”:

La classe dirigente non si improvvisa.

L’ho trovata semplicemente agghiacciante! Un po’ come dire: signori si nasce, mica possono deciderlo gli elettori chi deve amministrare e come deve farlo.

Io credo invece che se l’immonda classe dirigente attuale rifiuta di collaborare con l’autorità politica democraticamente eletta va semplicemente spazzata via!

Perché sta succedendo a Roma quello che accade spessissimo in certi piccole realtà dello strapaese italico: una forza politica più o meno nuova ottiene un mandato democratico dagli elettori locali ma non riesce a muovere uno spillo perché gli si mettono contro l’apparato amministrativo – dal segretario comunale in giù, per intenderci – o chi è abituato da sempre a spartirsi la merendina – partiti,  municipalizzate, sindacati, parrocchia, associazioni sportive, etc.

La Raggi non mi sta simpatica e di sicuro ha fatto più di una cazzata, ma la sua sola presenza a Roma ha mostrato al mondo intero come funzionano in Italia certi meccanismi. E la soluzione più giusta e democratica a questo caso clamoroso non è fermare la Raggi, ma distruggere a martellate il meccanismo. Le vere rivoluzioni funzionano così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Vladimir Putin (ti) mette la testa a posto

Stavo leggendo un articolo di Fabrizio Dragosei comparso oggi sull’edizione online del Corriere della Sera. Mi ha catturato il sottotitolo, che trovo semplicemente agghiacciante: Il giornale anti-Putin «mette la testa…

Raffica di errori su Windows XP

Era un bel po’ di tempo che non mi capitava! Intendo dire: era un bel po’ di tempo che non mi capitava di lavorare seriamente – non solo pochi minuti…