Piccoli teteschi ti Cermania

Qualche giorno fa abbiamo pranzato tutti insieme in uno Steak&Shake sul lago di Garda, una delle mete italiane preferite dai turisti mitteleuropei.
Total
0
Shares

Qualche giorno fa abbiamo pranzato tutti insieme in uno Steak&Shake qui vicino.

Siamo sul lago di Garda, una delle mete italiane preferite dai turisti mitteleuropei, specie da quelli che si muovono in famiglia con camper, roulotte o tende di ogni dimensione e fattura.

Inutile ricordare che qui l’economia è molto florida soprattutto grazie a loro, lo sanno tutti, è così da decenni. Lo sanno bene anche gli affaristi di altre parti d’Italia che qui hanno investito molti proventi delle loro attività diversamente lecite, comprandosi locali e alberghi un po’ dappertutto.

Spesso però ho la sensazione che ad una certa parte dei turisti – soprattutto a quelli che scendono da Germania e Austria – piaccia follemente l’Italia ma amino un po’ meno follemente gli italiani.

Non che si possa dar loro tutto questo torto: luoghi comuni a parte, provate ad immaginare come possano vedere il nostro sgangherato Paese quando ci guardano con i loro occhi abituati a quel rigore morale e a quel senso civico che in Europa sono così mal distribuiti.

Insomma, stavamo mangiando il nostro panozzo ipertrofico tenendo d’occhio i bambini nell’area giochi e non potevamo fare a meno di ammirare un grande muro che due bambinetti biondissimi avevano edificato con degli enormi mattoncini colorati. Ampio, solido e simmetrico. Con tanto di porta centrale, finestrelle e un accenno di tetto.

Ebbene, i genitori li chiamano e loro corrono al tavolo per il meritatissimo rancio quando si bloccano a metà strada, si scambiano una sola parola e uno dei due torna indietro a distruggere il manufatto, radendolo letteralmente al suolo.

La cosa mi ha fatto sorridere: non so perché ma l’ho associata ai racconti di quando i tedeschi facevano saltare i ponti mentre fuggivano dall’Italia ormai caduta nelle mani alleate.

È proprio vero che certe malizie sono solo negli occhi di chi guarda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Addio, mia bella, addio!

Voglio registrare qui il mio ultimo saluto al compagno di tante, davvero tante vicende. Chi mi conosce sa quanto poco io tenga alle automobili e quanto – di contro –…

A cena con… SCO OpenServer 5

L’esperienza di farmi una pizza in compagnia di un server UNIX non l’avevo ancora fatta. C’è sempre una prima volta per qualsiasi cosa, anche per le più miserabili! In effetti…