Intel vuole Linux sulle automobili

Total
0
Shares

Detroit (USA) – Con una mossa destinata a dare un’ulteriore spinta alla diffusione del Pinguino sul mercato embedded, Intel e Wind River hanno annunciato lo sviluppo congiunto di una piattaforma open source Linux-based per l’industria automobilistica.

La nuova piattaforma, il cui codice verrà condiviso all’interno della comunità Moblin.org, sarà ottimizzata per il giovane processore Atom di Intel e per i dispositivi di infotainment utilizzati nelle auto, come computer di bordo e navigatori satellitari.

Wind River afferma l’Open Infotainment Platforms (OIP), questo il nome del progetto, si baserà su componenti software/hardware standard e interoperabili, e potrà essere utilizzata in una vasta gamma di device per auto e altri veicoli per il trasporto. Secondo l’azienda, il modello di sviluppo collaborativo, insieme all’elevata modularità del kernel di Linux, consentiranno ai produttori di tagliare i costi di sviluppo e aggiornare i loro dispositivi in modo più semplice ed economico.

Il maggior vantaggio, per gli utenti finali, sarà dato dalla possibilità di far girare sui dispositivi di bordo Linux-based una vasta gamma di applicazioni di terze parti, inclusi eventuali programmi realizzati in proprio: qualcosa che le piattaforme proprietarie difficilmente offrono.

[…]

Moblin è un progetto lanciato lo scorso anno da Intel con lo scopo di incentivare la nascita di una comunità di aziende e sviluppatori interessati alla creazione di un completo insieme di software open source per i dispositivi mobili. Questi software, tutti ottimizzati per le architetture x86 di Intel, fanno leva sulle tecnologie mobili di GNOME Foundation e il framework di sviluppo Hildon (basato sul toolkit GTK).

Quello mobile è il settore dove Linux sta registrando i maggiori ritmi di crescita, e questo grazie anche grazie all’appoggio di colossi come Motorola, NEC, NTT DoCoMo, Samsung e Nokia. Proprio quest’ultima ha ieri annunciato l’intenzione di ampliare la sua gamma di device Linux-based, lasciando intendere che il sistema operativo open source potrebbe salire a bordo anche degli smartphone, dove oggi il colosso utilizza esclusivamente la propria piattaforma S60 basata su Symbian OS.

Fonte: https://punto-informatico.it
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Bug nel plugin UTW con WordPress 2.x

Riporto integralmente un post pubblicato sul sito Internet https://www.levysoft.it in merito ad un bug presente nel plugin Ultimate Tag Warrior per WordPress 2.x perché quel bug ha reso inutilizzabile –…

Rilasciata FreeBSD 6.3

Dopo due Release Candidate è stato annunciato il rilascio finale dell’attuale ramo -STABLE di FreeBSD! Anche se non sono state introdotte grosse novità (per quelle dovremo aspettare la 7.0) sono…

OpenOffice.org 2.3.1 su Debian Etch

Riporto qui un post comparso sul blog di Upmedia a firma “Incubo” e datato 17 gennaio. Ho trovato questo articolo particolarmente semplice e chiaro, quindi lo riporto pressoché integralmente, salvo…