Vladimir Putin (ti) mette la testa a posto

Total
0
Shares

Stavo leggendo un articolo di Fabrizio Dragosei comparso oggi sull’edizione online del Corriere della Sera. Mi ha catturato il sottotitolo, che trovo semplicemente agghiacciante: Il giornale anti-Putin «mette la testa a posto». L’articolo di Dragosei riassume brevemente quanto accaduto pochi giorni fa in Sardegna, dove il nostro prossimo Presidente del Consiglio ha intrattenuto l’illustre e potente amico.

Si leggono frasi dal tono inequivocabile: “Non sarà chiuso, ma metterà la testa a posto il giornale che venerdì scorso in Sardegna ha suscitato le ire di Putin”, “Notizie smentite categoricamente, che hanno portato Silvio Berlusconi, […] a puntare le mani atteggiate a mitraglietta alla giornalista”, “La reazione di Putin ha spinto l’editore di Moskovskij Korrespondent, a sospendere subito le pubblicazioni e a licenziare il direttore”.

Con imbarazzante evidenza da questa storia trapela tutto il clima di terrore e di omertà che vige in un paese radicalmente antidemocratico. Le ragioni profonde di Putin potrebbero anche essere buone, non lo escludo: riportare stabilità e benessere nel Paese anziché lasciarlo dilaniare degli interessi particolari dell’ex intelligencija comunista è senz’altro un obbiettivo nobile, ma i mezzi con cui l’ex dirigente del KGB sta cercando di perseguirlo sono quanto meno allarmanti.

L’articolo di Dragosei si chiude in maniera emblematica: […] la stragrande maggioranza dei russi non ha ancora sentito nemmeno parlare dell’intera vicenda. Le tv l’hanno taciuta completamente. Come hanno sorvolato sulla domanda di Natalya, sulla risposta di Putin e sulla mitraglietta di Berlusconi.

Beh, parliamone noi, allora. Noi che abbiamo ancora gli strumenti materiali ed intellettuali per farlo. Del resto, si tratta solo di gossip, e il gossip piace tanto a noi italiani. O no?

[wp-yt_profile_1]XpNx5-9ZOyQ[/wp-yt_profile_1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Addio, mia bella, addio!

Voglio registrare qui il mio ultimo saluto al compagno di tante, davvero tante vicende. Chi mi conosce sa quanto poco io tenga alle automobili e quanto – di contro –…

A cena con… SCO OpenServer 5

L’esperienza di farmi una pizza in compagnia di un server UNIX non l’avevo ancora fatta. C’è sempre una prima volta per qualsiasi cosa, anche per le più miserabili! In effetti…