Un anno fondamentale

Total
0
Shares

Il mio avatar su DoppelmeOggi si conclude un anno per certi versi fondamentale. Personalmente è stato un periodo di profonda trasformazione, soprattutto sul piano professionale. Ma la stessa aria di cambiamento ha attraversato il 2008 di tutti quanti, io credo. Ci sono cose che hanno avuto inizio durante lo svolgersi di questi dodici mesi e che sono destinate ad avere conseguenze significative sulla vita di molte, moltissime persone. La crisi economica – che finalmente nessuno si azzarda più a smentire – ha fatto cadere il velo opaco di quella scomposta euforia massmediatica che da troppo tempo invade le stanze delle nostre abitazioni, imponendoci l’immagine di una realtà che non rappresenta davvero più nulla, né il mondo in cui viviamo, né quello in cui vorremmo vivere. Non so se lo avete notato, ma ora che è molto più difficile distrarre l’attenzione della gente dai fatti e dai problemi concreti, sembra improvvisamente che tutti abbiano voglia di ritornare ad un linguaggio più chiaro. Chissà che questa ennesima fase di transizione non renda tutti  maggiormente consapevoli – almeno per un po’ – del valore che hanno impegno, serietà e determinazione nella vita di ogni giorno. Mi capita sempre più spesso di incrociare la strada con persone straordinariamente valide, professionisti che cercano nuovi modi per rimettere in gioco – senza barare – loro stessi e/o le loro aziende. Non tutti sono ancora disposti a discutere le proprie certezze, s’intende… Ma auguriamoci che il nuovo anno porti con sé tutto quello di cui abbiamo davvero più bisogno: la fiducia e la voglia di cambiare le cose.

Buon 2009!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Addio, mia bella, addio!

Voglio registrare qui il mio ultimo saluto al compagno di tante, davvero tante vicende. Chi mi conosce sa quanto poco io tenga alle automobili e quanto – di contro –…

A cena con… SCO OpenServer 5

L’esperienza di farmi una pizza in compagnia di un server UNIX non l’avevo ancora fatta. C’è sempre una prima volta per qualsiasi cosa, anche per le più miserabili! In effetti…