A occhi chiusi

Total
0
Shares

Amos OzParole come “baita”, “pascolo”, “pastorella di oche” mi affascinarono lungo tutta l’infanzia. Possedevano l’aroma sensuale di un mondo vero, spensierato e lontanissimo dai tetti polverosi di lamiera, dagli spiazzi colmi di rottami e rovi, dagli squallidi pendii di una Gerusalemme strozzata dal giogo di un’estate incandescente. Bastava che sussurrassi fra me e me “pascolo” – per udire il muggito delle vacche con le campane appese al collo e il gorgoglio dei ruscelli. A occhi chiusi, osservavo la pastorella d’oche scalza, che mi turbava fino alle lacrime quando ancora non sapevo nulla.

Una storia di amore e di tenebra, Amos Oz, Feltrinelli © 2003, p.9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Addio, mia bella, addio!

Voglio registrare qui il mio ultimo saluto al compagno di tante, davvero tante vicende. Chi mi conosce sa quanto poco io tenga alle automobili e quanto – di contro –…

A cena con… SCO OpenServer 5

L’esperienza di farmi una pizza in compagnia di un server UNIX non l’avevo ancora fatta. C’è sempre una prima volta per qualsiasi cosa, anche per le più miserabili! In effetti…