A occhi chiusi

Total
0
Shares

Amos OzParole come “baita”, “pascolo”, “pastorella di oche” mi affascinarono lungo tutta l’infanzia. Possedevano l’aroma sensuale di un mondo vero, spensierato e lontanissimo dai tetti polverosi di lamiera, dagli spiazzi colmi di rottami e rovi, dagli squallidi pendii di una Gerusalemme strozzata dal giogo di un’estate incandescente. Bastava che sussurrassi fra me e me “pascolo” – per udire il muggito delle vacche con le campane appese al collo e il gorgoglio dei ruscelli. A occhi chiusi, osservavo la pastorella d’oche scalza, che mi turbava fino alle lacrime quando ancora non sapevo nulla.

Una storia di amore e di tenebra, Amos Oz, Feltrinelli © 2003, p.9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Guardare Brescia dalla finestra…

Oggi vi scrivo dalla mia nuova postazione di lavoro.  Sono al terzo piano di un palazzo in una zona non meglio identificata della città di Brescia. Come i salmoni, alla…