Ceci n'est pas un blog

Blog personale di Ivan Agliardi con pagine di informatica, linguaggi, idee…

Installazione di Debian Etch su RAID + LVM

In questo post descrivo con la massima sinteticità e senza alcuna pretesa di completezza come si possa realizzare un RAID 1 (software) durante l’installazione di Debian Etch e come si configuri correttamente il LVM.

Su una delle mie workstation ho due hard disk identici da 320GB. Ho deciso di installarci l’ennesima Debian Etch e di mettere i due dischi in RAID. Ho avviato l’installazione e in un paio di minuti sono arrivato allo step in cui vanno effettuati i settaggi per il partizionamento dei dischi. Trattandosi di dischi S-ATA, il debian-installer me li ha riconosciuti come segue:

  • SCSI1 (0,0,0) (sda)
  • SCSI2 (0,0,0) (sdb)

Lo stesso discorso vale comunque anche per dischi IDE, in quel caso il debian-installer li vederebbe così:

  • IDE1 (hda)
  • IDE2 (hdc)

A questo punto ho creato una prima partizione di booting, di dimensioni minime (solo 512MB):

  1. selezionare il primo disco SCSI1
  2. scegliere come metodo di partizionamento “Manuale”
  3. selezionare la voce “SPAZIO LIBERO” sotto SCSI1
  4. scegliere “Crea una nuova partizione”
  5. selezionare “Inizio” come posizione della nuova partizione
  6. selezionare “Primaria” come tipo della nuova partizione
  7. inserire 512M come dimensione della nuova partizione
  8. scegliere “Volume fisico per il RAID” come modo d’uso della nuova partizione
  9. scegliere “Preparazione di questa partizione completata”

Poi ho creato la partizione destinata a contenere il filesystem vero e proprio:

  1. selezionare il primo disco SCSI1
  2. scegliere come metodo di partizionamento “Manuale”
  3. selezionare la voce “SPAZIO LIBERO” sotto SCSI1
  4. scegliere “Crea una nuova partizione”
  5. selezionare “Inizio” come posizione della nuova partizione
  6. selezionare “Primaria” come tipo della nuova partizione
  7. inserire 95% come dimensione della nuova partizione
  8. scegliere “Volume fisico per il RAID” come modo d’uso della nuova partizione
  9. scegliere “Preparazione di questa partizione completata”

Perché al punto 7 ho scelto di utilizzare solo il 95% del disco? Semplicemente perché, nel caso io debba sostituire uno dei due dischi, non avrò mai la certezza assoluta che il nuovo disco abbia esattamente lo stesso numero di cilindri etc. rispetto al disco originale, nemmeno se lo compero della stessa marca e dello stesso taglio. Ho bisogno quindi di un gap di tolleranza per mettermi al sicuro da possibili perdite di dati o inconsistenze durante la ricostruzione dei volumi. Certo, si spreca dello spazio che non verrà mai utilizzato, ma con dischi di queste dimensioni ce lo possiamo pure permettere.

Ora è necessario ripetere le operazioni appena descritte anche per il secondo disco (SCSI2) assicurandoci di avere effettuato esattamente le stesse scelte fatte per il primo.

Fatto questo, possiamo configurare il RAID 1 software. Per prima cosa creiamo il device multidisk destinato a contenere la partizione di boot:

  1. scegliere “Configurare il RAID software”
  2. confermare “Scrivere i cambiamenti sui dispositivi…”
  3. scegliere “Creare un device multidisk (MD)”
  4. selezionare “RAID1” come tipo di device multidisk
  5. confermare “2” come numero di device attivi per l’array RAID1
  6. confermare “0” come numero di device “spare”
  7. abilitare solo /dev/sda1 e /dev/sdb1 come device attivi
  8. scegliere “Terminare”

Poi creiamo il device multidisk destinato a contenere il filesystem vero e proprio:

  1. scegliere “Configurare il RAID software”
  2. confermare “Scrivere i cambiamenti sui dispositivi…”
  3. scegliere “Creare un device multidisk (MD)”
  4. selezionare “RAID1” come tipo di device multidisk
  5. confermare “2” come numero di device attivi per l’array RAID1
  6. confermare “0” come numero di device “spare”
  7. abilitare solo /dev/sda2 e /dev/sdb2 come device attivi
  8. scegliere “Terminare”

Ora possiamo passare alla creazione dei volumi logici. Per prima cosa creo il volume destinato a fare da swap del sistema:

  1. scegliere “Configurare il Logical Volume Manager”
  2. confermare “Scrivere le modifiche sui dischi e …”
  3. scegliere “Creare i gruppi di volumi”
  4. scrivere “VG00” come nome del gruppo di volumi
  5. abilitare solo /dev/md/1 come device per il nuovo gruppo di volumi
  6. scegliere “Creare un volume logico”
  7. selezionare il gruppo di volumi “VG00”
  8. scrivere “swap” come nome del volume logico
  9. scrivere “4GB” come dimensione del volume logico (almeno il doppio della RAM)

Poi creo il volume destinato al filesystem vero e proprio:

  1. scegliere “Creare un volume logico”
  2. selezionare il gruppo di volumi “VG00”
  3. scrivere “filesys” come nome del volume logico
  4. confermare il valore massimo disponibile proposto come dimensione del volume logico
  5. scegliere “Terminare”

A questo punto posso creare le partizioni:

  1. selezionare il n° 1 sotto “LVM VG VG00 LV filesys”
  2. creare la partizione normalmente (scegliendo “Ext3” come modo d’uso e “/” come mount point)
  3. scegliere “Terminare”
  4. selezionare il n° 1 sotto “LVM VG VG00 LV swap”
  5. creare la partizione di swap normalmente (scegliendo “swap area” come modo d’uso)
  6. confermare “Scrivere le modifiche sui dischi e …”

Fatto questo, è sufficiente procedere con l’installazione di Debian come di consueto.

A proposito di Ivan Agliardi

Ho immaginazione e creatività, ma non sono un artista. Faccio interagire tra loro aziende dando vita a nuove imprese, ma non sono un imprenditore. Mi occupo da oltre 15 anni di server Linux, applicazioni web, database, domini, hosting, housing, sicurezza informatica e sistemi embedded, ma non sono un tecnico. Faccio SEO, SEM, SMM e fornisco contenuti attraverso i miei copyrighter, ma non sono un uomo marketing. Ora ho di nuovo un blog, ma non sono un blogger. Sono solo un umanista e un informatico della prima ora. E mi circondo di gente con le palle :)

2 commenti su “Installazione di Debian Etch su RAID + LVM”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ivan Agliardi

Ivan Agliardi