A occhi chiusi

Total
0
Shares

Amos OzParole come “baita”, “pascolo”, “pastorella di oche” mi affascinarono lungo tutta l’infanzia. Possedevano l’aroma sensuale di un mondo vero, spensierato e lontanissimo dai tetti polverosi di lamiera, dagli spiazzi colmi di rottami e rovi, dagli squallidi pendii di una Gerusalemme strozzata dal giogo di un’estate incandescente. Bastava che sussurrassi fra me e me “pascolo” – per udire il muggito delle vacche con le campane appese al collo e il gorgoglio dei ruscelli. A occhi chiusi, osservavo la pastorella d’oche scalza, che mi turbava fino alle lacrime quando ancora non sapevo nulla.

Una storia di amore e di tenebra, Amos Oz, Feltrinelli © 2003, p.9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Guardare Brescia dalla finestra…

Oggi vi scrivo dalla mia nuova postazione di lavoro.  Sono al terzo piano di un palazzo in una zona non meglio identificata della città di Brescia. Come i salmoni, alla…

Disabilitare il reverse lookup su ProFTPD

Lo scrivo qui a titolo di promemoria per la prossima volta che dovesse succedermi… Questa mattina ho messo a disposizione di un collega un nuovo accesso FTP ad uno dei…

Piccolo omaggio al Silence Teatro

È difficile esprimere con le parole cosa abbia significato per me partecipare – sia pure per un breve periodo – a questo piccolo, grande progetto. Sono entrato a far parte…

Non conosco il tuo nome

Non vengo da queste parti da mesi. Ho pensato più di una volta che sarebbe ormai il caso di mettere una bella pagina segnaposto invece di questi post, perché non…